Progetti

SPORTELLO DI ASCOLTO PSICOLOGICO

 realizziamo il progetto di Sportello di Ascolto Psicologico!
Che cosa fornisce questo servizio?  Si tratta di attività di prevenzione, informazione, sostegno e consulenza, rivolte a tutte le componenti scolastiche.  Allo sportello d'ascolto possono, pertanto rivolgersi gli studenti, i genitori e i docenti.
Lo sportello d'ascolto psicologico nella scuola è molto importante e solo da poco tempo anche in Italia se ne riconosce l'importanza. Il motivo del suo valore nella scuola risiede nel fatto che nelle varie fasi dello sviluppo si potrebbero presentare delle problematiche delicate che devono essere affrontate. La presenza di esperti che  si propongono a sostegno di studenti, genitori e docenti, fornisce una opportunità per il superamento di tali fasi.
Quali sono le  tipologie d’intervento? I colloqui hanno lo scopo di fornire consigli agli studenti sul metodo di studio o sui problemi relazionali all’interno della classe, con compagni e docenti. 
Alle famiglie, i professionisti dello sportello d'ascolto forniscono un supporto utile per la gestione delle problematiche tipiche dell’età o per affrontare le difficoltà dei propri figli in modo più specifico nello studio.
Altra area di intervento importante è l'orientamento scolastico, dove si aiutano gli studenti e le loro famiglie a comprendere le attitudini dei ragazzi al fine di effettuare il giusto percorso di formazione. In altri casi l'orientamento può essere utile per acquisire la fiducia necessaria nelle proprie capacità e affrontare lo studio in modo più proficuo.
Lo sportello d’ascolto ha lo scopo di incrementare il benessere psicofisico degli allievidi prevenire fenomeni di dispersione scolastica e di supportare le famiglie.




SERVIZIO DI SOSTEGNO PSICOLOGICO

In convenzione con l’Azienda Ospedaliera Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta realizziamo nel reparto di Terapia Intensiva Neonatale il progetto Neo-Genitori! Un progetto di sostegno psicologico ai genitori dei piccoli ricoverati e dei bambini dimessi.

Tutti i Lunedì dalla 13 alle 17

 svolgiamo in reparto la nostra attività professionale in modo totalmente gratuito.

La presenza degli psicologi in ospedale è, oramai, una realtà sempre più consistente.

In particolare nelle Tin, la nostra presenza è motivata dalla evidenza che la psicologia svolge una funzione fondamentale in un luogo in cui le dinamiche di gruppo si intrecciano con la complessità della organizzazione ospedaliera e con gli impliciti rischi di disumanizzazione.

Diversi fattori, infatti, guidano la pressante necessità di assistenza centrata sulla famiglia dei neonati ricoverati in TIN:

l’aumento del numero dei bambini in TIN; (1 su 10 nasce prematuro)

variabilità della popolazione afferente alla TIN e variabilità delle loro esigenze;

alto livello di stress nei genitori per la percezione di un imminente pericolo di vita del proprio bambino;

percezione offuscata nella loro capacità genitoriale;

impossibilità ad avere sostegno da parte della famiglia di origine;

mancanza di fiducia nell’operato del personale in TIN.

Il progetto Neo-genitori, nasce dalla convinzione che i risultati di salute ottimali del bambino ricoverato in TIN si ottengano quando, oltre alle cure mediche, i genitori siano nella condizione di offrire sostegno sociale ed emotivo al suo sviluppo.

Poiché i genitori sono i sostenitori naturali per il neonato, che si trova ad avere esigenze molto urgenti circa il suo sviluppo fisico ed emotivo, riteniamo che abbassare il livello di stress aiuti i genitori ad affrontare meglio questo loro compito.

Nel nostro metodo i membri della famiglia cooperano con i medici e gli infermieri del reparto per il raggiungimento dell’obiettivo comune che appunto il benessere del bambino.

Perché ciò accada, è necessario che essi siano nella condizione di aderire al processo di cura deciso dal personale medico e applicato dagli infermieri superando le potenziali barriere e diffidenze imposte da sovrastrutture culturali, convinzioni etiche e tradizioni familiari.

Il nostro scopo, quindi, è quello di migliorare la comunicazione e la compliance genitoriale, abbassando i livelli di stress genitoriale causati dal ricovero in TIN e dal timore dell’imminente pericolo di vita del proprio figlio, sostenendo la fiducia genitoriale sia nelle proprie capacità che nell’aiuto fornito dal programma proposto da medici e applicato dagli infermieri del reparto TIN.

Vi informo, inoltre, che l’associazione offre la possibilità, per chi lo desiderasse, di un incontro personalizzato presso la nostra struttura che prevede un primo colloquio clinico con valutazione psicologica, gratuita ovviamente!